Con il mese di dicembre si conclude un anno estremamente importante per quanto riguarda l’argomento del gioco d’azzardo in Italia. E’ stato un anno ricco di grandi novità, che hanno interessato sia il settore del gioco online, sia quello di tipo fisico. In particolare dopo l’attuazione del Decreto Dignità, dello scorso 9 agosto, si sono registrate modifiche sostanziali per quanto concerne la legislazione a carattere del gioco legalizzato nel nostro Paese.

Le novità non riguardano però solo l’Italia, visto che sono cambiate molte cose anche per altre realtà, soprattutto europee. La notizia più recente è quella che interessa la Danimarca, che sul tema del gioco si è sempre distinta, positivamente. Arriva la comunicazione ufficiale che attua a titolo completo la direttiva comunitaria sulla tutela del consumatore del gioco online. Durante i mesi scorsi, si era molto discusso su come l’Unione europea debba intervenire sul gioco; l’Italia risulta in prima linea, tra i Paesi che stanno tutelando i giocatori online, grazie anche a leggi attuate negli anni passati, che rendono il nostro Paese uno dei più moderni, in termini di legislazione sul tema del gioco d’azzardo. Questo avviene mentre si sta discutendo dell’ipotesi di escludere, preventivamente, il nome di utenti che sono iscritti a sistemi sanitari e gruppi di sostegno per via di disturbi come ludopatia e azzardopatia. I casi denunciati in Italia tramite le Asl di competenza territoriale, hanno superato i 180.000 casi, durante il 2017, una stima che potrebbe crescere ancora per quanto riguarda l’anno in corso. Tuttavia è bene ricordare come la tutela dei giocatori sia ad appannaggio solo di casino online legali, che fanno riferimento all’ente autonomo AAMS in Italia. E’ possibile quindi consultare la guida ai casino online aggiornata al 2018, dove sono citati tutti i siti che tutelano i diritti degli utenti attivi e dei giocatori abituali. Le azioni di prevenzione e tutela del gioco legale, si basano sul rispetto dei consumatori, promuovendo il gioco responsabile, pratica che è sicuramente più frequente per il segmento del gioco online, che può settare anche i limiti di gioco settimanali.

In questa prospettiva i principali gestori di casinò online si stanno muovendo per tutelare i propri clienti, attraverso delle linee guida, nel rispetto della privacy e della trasparenza. Un tema a cui il Governo Conte ha mostrato fin dalle prime battute grande attenzione, come abbiamo potuto constatare dopo l’attuazione del Decreto Dignità, il quale tende a ridurre il consumo di gioco d’azzardo, che in Italia per il 2018 dovrebbe raggiungere la cifra record di 100 miliardi di euro, come spesa. Da parte dei governi europei, serve maggior controllo e cooperazione, visti i casi di giocatori che hanno sviluppato patologie durante questi ultimi tempi. Per il gioco di tipo fisico, le cose potrebbero presto cambiare, visto che uno degli obiettivi del Governo è quello di vietare le sale da gioco d’azzardo nel raggio di 500 metri da luoghi come scuole e uffici pubblici. L’introduzione della tessera sanitaria per verificare che il giocatore abbia compiuto la maggiore età è il primo step per un cambio di guardia a tema di legalità e rispetto dei cittadini in materia di gioco.

Comments

comments