Tutti parlano di digital marketing e della sua importanza per le aziende in questa nuova fase incentrata sull’utilizzo di internet. Non tutti, però, conoscono esattamente di cosa si tratti ed a cosa serva veramente. Quindi, proviamo a procedere con ordine rendendo il concetto più chiaro. Il digital marketing è quella tipologia di marketing che fa uso di apparecchiature elettroniche, quali computer, tablet, smartphone, per arrivare a coinvolgere i consumatori. Il web marketing è il maggio ramo componente del digital marketing. Si parla di digital marketing, dunque, quando ci troviamo di fronte a quel particolare insieme di tecniche di marketing online, cioè che fanno uso dei nuovi media digitali per promuovere un prodotto o un servizio, un brand oppure un’organizzazione.

Nell’era digitale, dunque, è fondamentale avere una presenza online che sia commercialmente efficace. Questo dogma è valido per qualsiasi realtà di business, soprattutto per i singoli professionisti. Tanto è vero che ne è anche nata una disciplina, il personal branding, che insegna a stare su internet in modo da ricevere grande visibilità e un ROI interessante sia ai grandi brand che alle più piccole imprese.

Il digital marketing è, quindi, il punto di partenza di ogni strategia digitale. Senza contenuti di qualità non si va da nessuna parte sul web. I contenuti, per essere di qualità, devono essere originali, pertinenti, informativi, interessanti per gli utenti della nicchia in cui il brand opera. Insomma: i contenuti di qualità risolvono sempre un probleme specifico a un altrettanto specifico target di consumatori. I contenuti di questo tipo forniscono valore ai tuoi potenziali clienti.

Partendo dai contenuti di qualità, occorre che questi si posizionino in alto nelle SERP dei motori di ricerca presenti in rete, in particolar modo in quelle di Google. Solo in questo modo gli utenti del web che si affidano alla ricerca online potranno visionarli e sceglierli.

Per fare ciò è possibile affidarsi alle tecniche della SEO (Search Engine Optimization), che però sono tantissime. Seguendole, però, si riescono ad ottenere eccellenti risultati, specie se ci si concentra sull’ottimizzazione SEO del tag title, Ottimizzazione SEO del tag H1 e H2, Ottimizzazione del tag description, creazione di URL SEO friendly, creazione di una sitemap, ottimizzazione delle immagini dei contenuti web, creazione di un file di robots. Per chi non mastica molto questo mondo è possibile comunque rivolgersi a consulenti SEO come Roberto Di Molfetta che si occupano proprio di aiutare aziende e blogger a migliorare la loro presenza online, ed in particolare sui motori di ricerca.

Oltre alla SEO dobbiamo ricordare che il digital marketing è anche fare search engine marketing (SEM), inteso come keywords advertising, e-mail marketing e campagne su Google AdWords. Occorre poi prestare molta cura alla misurazione dei risultati delle campagne e ai report che ne illustrano il ritorno avuto. In effetti, capita spesso di trovare aziende che fanno azioni di marketing online, ma che poi non misurano i risultati ottenuti.

Ma non solo, per fare digital marketing bisogna volgere lo sguardo ai social media. E bisogna farlo strategicamente. Il che significa aprire un profilo solo sui social media in cui vi è un’effettiva – e significativa – presenza dei propri consumatori. E quei profili vanno curati quotidianamente, interagendo con i propri fan, follower.

Comments

comments