1455118452-iphone7s(di Jessica Sabatelli)  Walt Mossberg, uno dei più importanti e influenti giornalisti esperti di tecnologia, ha dato il titolo ad un articolo del The Verge (una delle testate di tecnologia più famose al mondo), riguardante l’uscita dello Smartphone più atteso dell’anno: l’iPhone 7.

<<Sarà meglio che iPhone 7 sia spettacolare>>. Queste sono le parole del giornalista che, anche se possono suonare saccenti o minacciose, celano una verità che riguarda soprattutto l’evoluzione degli ultimi dispositivi iPhone e il loro rapporto con la concorrenza, oramai sempre più spietata e competitiva.

Sicuramente, i dispositivi Apple lanciati di recente: <<Faranno felici una significativa minoranza di utenti– dichiara Mossberg  –ma non sono rivoluzionari. Si tratta di eredi di vecchi prodotti. iPhone SE si avvicina, ma non pareggia, l’iPhone 6s lanciato lo scorso anno>>.

La leadership dei Apple resta ancora lì, ma la perdita di clienti non è stata indifferente e una buona percentuale di utenti è rimasta solo a causa <<del triste “casino” generato dalle problematiche software dei concorrenti>> afferma Mossberg, <<ma non più per l’hardware>>.

Parole davvero preoccupanti se si pensa a quello che è sempre stato il vanto della casa di SteveJobs. Ed è qui che Mossberg lancia una specie di ultimatum: se gli Smartphone continueranno a fare passi avanti <<ed iPhone deve mantenere il vantaggio che si erode progressivamente, Apple deve davvero impressionare il prossimo autunno>>.

In sostanza, come sappiamo, gli iPhone sono degli ottimi prodotti, ma non hanno fatto nessun passo avanti per quanto riguarda le tecnologie utilizzate… e qui introduciamo il confronto con la concorrenza. Se pensiamo alle tecnologie utilizzate dalle altre maggiori case, possiamo notare come le differenze siano sostanziali.

Confrontando semplicemente le differenze del 6S con quelle della sua “controparte” Samsung, il Galaxy S6, possiamo renderci conto che: dal processore (Octacore), alla fotocamera (16 megapixel), alla batteria (2,550 mAh con “ricarica veloce”), le tecnologie utilizzate dalla casa coreana sono pienamente al passo con i tempi, mentre, quelle presenti nell’iPhone6S, nonostante il sistema funzioni magnificamente ed è al pari con le prestazioni, sono rimaste “anni luce” indietro.

Perciò, in cosa dovrebbe migliorare l’iPhone 7?

1.      Innanzitutto, dovrebbe migliorare nella gestione dell’energia: la durata della batteria è ora che aumenti, insieme alla velocità della carica e all’abilitazione della ricarica wireless.

 2.      Dovrebbe avere bordi più sottili, sempre con uno schermo grande (come ha fatto la Samsung con il GalaxyEdge S7) e presentando uno zoom ottico. Per quanto concerne lo zoom <<Apple ha grandi opportunità – dice Mossberg – visti i mediocri risultati che hanno raggiunto i concorrenti in questo ambito>>. Anche la fotocamera dovrebbe essere migliorata in condizioni di scarsa luminosità e nella velocità di attivazione.

 3.      Dovrebbe essere più resistente agli urti e all’acqua (sempre per competere con l’S7), così la gente potrebbe eliminare l’uso della cover per proteggere il telefono.

 4.      Dovrebbe presentare una memoria maggiore, eliminando la versione da 16 GB: <<la base devono essere 32 Gb o anche 64 GB, semmai rinunciando ad un po’ di margine di profitto>>.

 5.      L’ultimo miglioramento dovrebbe riguardare il software, cioè, il miglioramento: della gestione della mail, del rapporto con Gmail, l’affidabilità delle mappe e del numero delle applicazioni (che dovrebbero essere più utili nel quotidiano). E, infine, dovrebbe considerare una versione multipiattaforma di iMessage.

L’appello del giornalista è, senza dubbio, pertinente e utile ai fini di mantenere il primato della Apple, che è andato un po’ svanendo.

Non sappiamo ancora di preciso cosa ci regalerà il nuovo iPhone 7, ma possiamo offrirvi l’ultimo concept della versione “Pro”, uscito su una delle pagine Facebook della Apple:

https://www.facebook.com/AppleUS/videos/560774400748860/?fref=nf

Comments

comments