images (1)(di Salvatore Cipriano) Nella partita di coppa contro il Siviglia, che può già valere il primato in solitaria nel propri girone, Allegri da fiducia a centrocampo ad Hernanes, con Barzagli adattato a terzino destro e un Pogba che, spesso, deve sacrificarsi sulla fascia sinistra, in una sorta di 4-4-2 che diventa un 3-5-2 nella fase di possesso palla.

L’arma in più, e si vede fin dall’inizio, è Cuadrado, l’unico che sembra in grado di saltare quasi sempre l’uomo nell’uno contro uno, creando così superiorità numerica.

Subito dopo il quarto d’ora la Juventus va già vicina al vantaggio, show di Cuadrado sulla corsia di destra, tocco per Khedira, superlativo stasera, che la passa a Dybala il cui tiro a giro non becca per pochissimo lo specchio della porta.

Dybala fa una partita di costante sacrificio e ciò lo porta, inevitabilmente, a perdere un po’ di lucidità sotto porta. Ci pensa, però, il suo compagno di reparto, Morata, a sbloccare il risultato.

Cuadrado punta l’area, si appoggia all’indietro dove Barzagli effettua un cross morbido per Morata che prende il tempo giusto ad Andreolli ed incorna in diagonale, portando così in vantaggio la vecchia signora.

Il Siviglia non riesce a scuotersi e già in avvio di ripresa rischia di soccombere, con il portiere del Siviglia che continua a negare a Dybala la gioia di un goal che sarebbe meritato vista la partita del r

Comments

comments