Anche quest’anno si è tenuto in tutto il mondo il Lymphedema Awarness Day, cioè la Giornata Mondiale del Linfedema istituita per puntare i riflettori su una malattia che in molti ancora conoscono bene, ma che fa registrare ogni anno circa 40 mila nuovi casi solo in Italia.

Questa iniziativa, promossa dalla Beautiful After Breast Cancer Onlus, si basa sull’istituzione di iniziative e dibattiti di approfondimento nella cura del linfedema e tenuta da medici esperti del settore, nonchè da numerosi pazienti.

Cos’è il linfedema

Elderly woman swollen feet putting on shoes

Quando si parla di linfedema si parla di una patologia che causa il rigonfiamento degli arti superiori o inferiori provocato da una mancanza di drenaggio della linfa sotto la pelle.

Si tratta inoltre di un gonfiore che può provocare dolore e anche difficoltà nei movimenti come una semplice passeggiata.

In generale, si possono distinguere due tipi di linfedemi:

  • primario,
  • secondario

Quello primario in genere, si manifesta dalla nascita o compare nell’arco della vita, mentre quello secondario si divide in post-chirurgico, ovvero dovuto ad una terapia radiante e post-traumatico in seguito a patologie dei vasi linfatici o ad un attacco da parte di parassiti.

Mentre un tempo veniva considerata una malattia rara, oggi è paragonata per diffusione, al tumore al seno.

Si tratta di una malattia che si manifesta in chi presenta un’alterazione del sistema linfatico ma i casi aumentano in quanto interessa circa il 20-40% di persone che si sottopongono a terapie oncologiche nei cui casi è necessario intervenire con lo svuotamento dei linfonodi ascellari, pelvici ed inguinali come nel caso del tumore al seno, tumori urologici, tumori ginecologici e melanomi.

Purtroppo, chi deve affrontare questi problemi, si trova dunque anche a trovarsi ad avere a che fare con questa invalidità.

Lo scopo di questa iniziativa, è quello di dar vita ad una community collegata tra loro, che sarà costantemente informata sulle novità inerenti cure e trattamenti al fine di creare un’efficace interazione tra i pazienti.

Le novità nel trattamento del linfedema

Numerosi sono stati gli interventi di medici specializzati, inerenti le novità in materia di trattamento nella cura del linfedema.

Sul panorama del linfedema è presente anche la chirurgia riservata a casi selezionati senza garantire però il risultato sperato, il quale invece viene garantito solo tramite un ricovero che prevede un percorso riabilitativo mirato.

In particolare, le cure che vengono proposte nell’unica clinica convenzionata con il SSN come ad arco di trento villa regina, sono tra le più affidabili dal punto di vista clinico-funzionale e soprattutto per quanto riguarda la qualità della vita di quei pazienti che si trovano anche in uno stadio avanzato della malattia.

Grazie a questo trattamento, è possibile ottenere una riduzione del volume del linfedema di circa il 90%, con una rapida ripresa di tutte le attività quotidiane da parte di un paziente.

Comments

comments