enricosirottigaudenzi3L’avvocato cesenate interverrà il 17 dicembre al prestigioso Congresso Nazionale sui sistemi alternativi di risoluzione delle controversie (vedi articolo a parte qui), evento annuale insignito con la medaglia del Presidente della Repubblica.
Si svolgerà il 17 dicembre, dalle 9 alle 18 a Roma presso la Camera dei Deputati, la seconda edizione del congresso nazionale dedicato allo studio e sviluppo dei sistemi ADR (strumenti di risoluzione delle controversie alternativi al processo giudiziario) organizzato dalla Fondazione Osservatorio ADR in collaborazione con Camera, Senato, Ministero della Giustizia, Ministero degli Esteri, Ministero dello Sviluppo Economico e numerosi altri partners istituzionali.
Tra i relatori che interverranno alla Camera dei Deputati ci sarà l’avvocato cesenate Enrico Sirotti Gaudenzi, invitato in qualità di esperto del settore bancario e creditizio e autore sul tema di numerose pubblicazioni di successo con la casa editrice Primiceri Editore.
Enrico Sirotti Gaudenzi interverrà esponendo una relazione dal titolo “Contenzioso con gli istituti di credito e strumenti alternativi alla risoluzione delle controversie“.
L’avvocato cesenate porrà l’accento sulla recente giurisprudenza in materia di partecipazione delle banche alle procedure di mediazione soffermandosi sugli effetti positivi che tale strumento può offrire se correttamente utilizzato, soprattutto in virtù dell’attuale momento di crisi economica e finanziaria.
Il grande evento dell’Osservatorio ADR è un appuntamento annuale che richiama centinaia di operatori del settore giustizia, economico e sociale nazionale, un’occasione unica per fare il punto sullo sviluppo dei sistemi alternativi di risoluzione delle controversie in Italia e discutere delle prospettive future.
Al tavolo dei relatori parteciperanno, fra gli altri, il sottosegretario alla giustizia, Cosimo Maria Ferri, il sottosegretario alla semplificazione e pubblica amministrazione Angelo Rughetti, l’ex vice presidente del CSM Michele Vietti, l’ex sottosegretario alla presidenza del consiglio Antonio Catricalà, il presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri e l’on. Giacomo Caliendo.

Comments

comments