dietaRimanere in un regime di dieta non sempre è facile, perché le tentazioni provocate dal cibo sono molte ed è difficile resistervi. A volte sono i dolci ad esercitare un irresistibile richiamo, altre volte la pizza, le patatine fritte o un bel piatto di pasta. Essere in dieta, però, significa contare giornalmente il numero di calorie necessarie e non assumerne più del previsto. Come contare correttamente le calorie? Per risolvere questo annoso problema, ci vengono in soccorso i preziosi consigli del sito www.dietapersonalizzata.it

Ci sono delle applicazioni disponibili sui principali store dei sistemi operativi (come Android o Apple) che aiutano a rimanere in forma, oppure ci sono dei siti internet sui quali è possibile calcolare il quantitativo di energia che compone il fabbisogno giornaliero di ogni persona.

Le statistiche sono differenziate per sesso e per tipologia corporea.

Un uomo di 1 metro e 80 e del peso di 80 kg, ad esempio, ha bisogno di quasi 2000 calorie al giorno per mantenere il suo peso, supponendo che faccia una vita sedentaria. Se la stessa persona vuole dimagrire di almeno un chilo a settimana, ad esempio, deve assumere giornalmente poco meno di 1000 calorie, quindi dimezzando di fatto l’assunzione di ogni giorno.

Una persona, invece, che conduce una vita piuttosto sportiva, ha bisogno di oltre 2500 calorie al giorno, che diventano 1500 nel momento di dieta. Per le donne le cifre calano un po’, in quanto una donna sportiva di 1 metro e 65 per 60 kg deve assumere 1000 calorie al giorno se vuole dimagrire di 4 chili al mese, ma una donna sedentaria che voglia fare una dieta deve assumerne appena 550.

Qualche consiglio utile su come misurare le calorie serve per tradurre questi semplici numeri astratti in realtà. Quando si è sottoposti ad un regime di dieta è bene avere tutto sotto controllo, a cominciare dalle calorie di quello che si mangia: è bene che siano in vista, così da non sbagliare. È una buona idea comprare una lavagnetta da appendere in cucina, e su di essa segnare ogni volta scrupolosamente le calorie ingerite.

Questo servirà a tenere il controllo della situazione, e se si osserva che facendo uno spuntino fuori programma ci si avvicina pericolosamente al massimo numero giornaliero di calorie consentite, meglio evitare quello spuntino. Se si cede, infatti, potrebbe poi sopraggiungere la tentazione di saltare un pasto primario, come il pranzo o la cena, squilibrando completamente i programmi di dieta.

In secondo luogo, quando si è in dieta è importante essere motivati: bisogna cercare di circondarsi di persone che spronino a seguire il regime alimentare e a contare le calorie, anche quando non si ha voglia di farlo. Osservare l’etichetta dei cibi che si mangiano diverrà un’abitudine interiorizzata, permettendo al corpo di abituarsi alla riduzione e quindi di dimagrire più in fretta.

Comments

comments