Negli ultimi mesi la consapevolezza che si deve tutelare il nostro pianeta ha preso sempre più corpo. Dagli studi degli scienziati e dalle nuove tecnologie arrivano delle soluzioni green per una casa più efficiente. Ma maggior efficienza non significa solamente minore impatto sull’ambiente, ma anche minore impatto sulle spese di gestione della casa e delle sue utenze.

Una casa più efficiente è una casa più economica

Molti pensano che ristrutturare la propria abitazione per renderla più efficiente sia una spesa eccessiva, un disagio, e quindi vi rinunciano. Eppure non è così, perché rendere la propria abitazione più efficiente significa renderla più economica. Ci sono molti modi per efficientarla senza spendere cifre impossibili.

Oggi, grazie anche al web, si possono trovare anche i professionisti più adatti alle proprie necessità senza dover chiedere a destra e a manca. Sul portale www.instapro.it, per esempio, si possono trovare diversi professionisti per tutti i tipi di progetto, si possono confrontare i prezzi e sapere quanto si può arrivare a spendere prima di contattarli.

Basti pensare a quanto si può risparmiare sostituendo gli infissi. Normalmente, se gli infissi non sono di ultima generazione, la dispersione di calore incide sulle utenze elettriche o comunque sui consumi della casa. Sostituendoli con quelli più efficienti e tecnologici, possiamo arrivare a risparmiare tantissimo, ammortizzando rapidamente i costi dell’efficientamento, anche se non si fruisce di detrazioni o bonus.

Vediamo allora qualche accorgimento innovativo che ci permetterà di avere una casa efficiente ed economica, nel rispetto anche dell’ambiente.

#1 Infissi isolanti

Cambiare gli infissi dovrebbe essere sempre la priorità tra le soluzioni green. Non solo degli infissi più efficienti consentono di avere un minore impatto sull’ambiente, ma soprattutto, migliorano l’efficienza e il comfort della casa, abbattendo anche i costi. Oggi è possibile installare infissi diverse tipologie e materiali, dal PVC al legno e all’alluminio, in base alle proprie esigenze, non si esclude di poter scegliere degli infissi diversi a seconda dell’esposizione della stanza, pur mantenendo lo stesso stile in tutti gli ambienti.

#2 Sostituzione dei vecchi termostati

La sostituzione dei vecchi termostati con quelli programmabili è un altro fattore che incide notevolmente e sull’impatto ambientale e sulle bollette di casa. La differenza tra un termostato di vecchia generazione e uno programmabile è che, appunto, possiamo programmare diversi orari per riscaldare l’ambiente in determinate ore, i più completi consentono di scegliere diverse temperature in diverse camere e in determinati orari.

#3 Rilevatori di movimento

Anche questa è un’idea green che consente di risparmiare notevolmente. I rilevatori di movimento sono dei sensori che possono essere collegati all’impianto delle luci di casa e che rilevano, appunto, il movimento. In questo modo, quando si uscirà da una stanza, le luci si spegneranno o si accenderanno rilevando la nostra presenza.

Può sembrare una piccola cosa, ma se consideriamo quanta energia viene sprecata, e pagata, a causa della dimenticanza delle luci accese, capiamo subito il valore di questa innovazione.

#4 Efficientamento termico col cappotto

Il cappotto è uno strato di isolante che viene applicato all’edificio in modo da contenere le dispersioni di calore e mantenere l’ambiente domestico a una temperatura gradevole sia d’estate che d’inverno. In questo caso è necessario rivolgersi a un professionista che possa eseguire il lavoro a regola d’arte.

Il risparmio di combustibile o elettrico diventa rilevante, e di conseguenza si impatta meno anche sull’ambiente.

Per alcune di queste migliorie si può fruire di alcune detrazioni statali, ci si può rivolgere direttamente a una ditta per ristrutturazioni o a un commercialista, in modo da avere tutti i ragguagli a riguardo e poterne beneficiare a seconda delle possibilità offerte e dalle proprie esigenze senza commettere errori di sorta.

Comments

comments