esta-usaA Partire dal 12 gennaio 2009 tutti i cittadini appartenenti al Visa Waiver Program (Andorra, Australia, Austria, Belgio, Brunei, Cile, Corea del Sud, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia Nuova Zelanda, Principato di Monaco, Paesi Bassi, Portogallo, Repubblica Ceca, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria) sono tenuti ad ottenere un’autorizzazione di viaggio ESTA per avere libero accesso negli Stati Uniti.
Le procedure che riguardano quest’autorizzazione non sono sempre chiare e le domande sopra l’ESTA che spesso vengono poste non sono poche: cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Cos’è l’ESTA e cosa significa?

Si tratta di un acronimo che sta per Electronic System for Travel Authorization (Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio). In poche parole è un’autorizzazione che consente ai cittadini di questi specifici paesi di recarsi negli Stati Uniti per turismo semplicemente compilando un particolare modulo online che va a sostituire la procedura per ottenere il visto turistico. Ovviamente l’ESTA deve essere accompagnata da un passaporto valido.
Con l’ESTA si ha l’ammissione negli Stati Uniti per un soggiorno della durata massima di 90 giorni senza l’obbligo di dover ottenere preventivamente un visto presso l’ambasciata o consolato.

Chi può ottenere l’autorizzazione ESTA?

Innanzitutto è necessario essere un cittadino appartenente ad uno dei paesi ammessi al programma di viaggio senza visto, Visa Waiver Program (i paesi appartenenti a questo particolare programma sono quelli precedentemente elencati). Successivamente è necessario che il soggiorno negli Stati Uniti non sia superiore a 90 giorni e, come prova, possedere un biglietto di ritorno al proprio paese o verso un paese terzo rispetto gli USA. Inoltre, è importante non possedere allo stesso tempo un altro tipo di visto in corso per entrare negli Stati Uniti: un visto studenti, un visto di lavoro, ecc..

Come si compila l’autorizzazione ESTA?

Questa autorizzazione al viaggio negli Stati Uniti sostituisce quella che era la vecchia carta verde che i cittadini appartenenti al Visa Waiver Program dovevano compilare in volo. L’autorizzazione ESTA presenta un formulario, generalmente redatto in inglese ma disponibile anche in altre lingue e si compone di tre parti. Una prima parte riguardante l’identità del viaggiatore e le informazioni riguardo al suo passaporto. Una seconda parte in stile questionario dove rispondere esclusivamente “sì” o “no”: si tratta di domande riguardanti lo stato di salute, se ha avito precedenti con la legislazione americana sul traffico di stupefacenti ecc. dove è importante essere pienamente sinceri. Infine, il formulario presenta una terza parte dove sono poste domande riguardanti il volo per gli Stati Uniti. Questa è l’unica parte facoltativa del formulario.

Comments

comments