Aperta questa mattina la 36 a edizione di Auto e Moto d’Epoca, che prosegue
alla Fiera di Padova fino a domenica 27 ottobre.
“Ci tengo innanzitutto a ringraziare le persone che hanno consentito che la fiera si svolgesse nel migliore dei
modi, in particolare il Sindaco Giordani, l’assessore Colasio e il presidente della Fiera Santocono – ha
sottolineato Mario Carlo Baccaglini di Intermeeting nel dare il suo benvenuto alle autorità presenti – e sono
quindi onorato di accogliervi qui oggi ad Auto e Moto d’Epoca. Un evento eccezionale, che attira
appassionati da tutto il mondo e che dà alla città di Padova una notorietà internazionale enorme”.
A portare i saluti della Regione Veneto è stato l’assessore all’ambiente Gianpaolo Bottaccin: “Quello delle
auto d’epoca è un mondo affascinante che merita attenzione e mi riferisco in particolare al tema
dell’inquinamento e alla necessità di distinguere le auto vecchie da quelle d’epoca. Non possiamo consentire
che rimangano chiuse nei garage e per questo stiamo lavorando con i sindaci su alcune deroghe che
consentano la circolazione di questi mezzi, che sono dei veri e propri musei semoventi”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani: “Le auto vecchie vanno
rottamate, perché sono inquinanti e poco sicure. Con le liste di salvaguardia possiamo e dobbiamo fare una
differenza netta a tutela delle auto storiche, che invece rappresentano un elemento di prestigio, anche per la
vita stessa dei centri storici delle città, con tassi di inquinamento bassissimi vista anche la cura prestata dai
proprietari”.
“Dobbiamo dare risalto a questo patrimonio che è tutto italiano – ha dichiarato Giuseppe Pan, assessore
regionale all’Agricoltura – Ogni mezzo storico, anche nel nostro settore, ha un’anima e un valore culturale da
tutelare”.
Il Presidente della Camera di commercio di Padova, Antonio Santocono ha posto l’attenzione sul
significato di Auto Moto d’Epoca per la città: “Il mondo delle imprese e quello delle associazioni non può che
essere grato a questo evento, a cui non possiamo far mancare il nostro sostegno. Ci apprestiamo a vivere
quattro giorni di un’intensità unica, che portano sul territorio un indotto economico molto importante”.
“Il territorio va valorizzato facendo sistema, anche con la fiera – ha sottolineato il Presidente della Provincia
di Padova Fabio Bui – e per questo un evento come quello che si apre oggi rappresenta un’occasione
perfetta per presentare e valorizzare le eccellenze del territorio”.
A chiudere l’inaugurazione ufficiale il Sindaco Sergio Giordani: “Essere qui ad aprire questa nuova
edizione di Auto e Moto d’Epoca è frutto di uno sforzo collettivo e ringrazio tutti per il contributo. Questo è un
evento importane, la fiera di Padova è importante, e grazie alla collaborazione di enti e istituzioni del
territorio sono certo che riusciremo a far emergere il carattere eccezionale di questa città, una città europea
di cui dobbiamo essere orgogliosi”
Le autorità presenti hanno poi visitato l’esposizione Le rosse in abito da corsa che riunisce 8 eccezionali
barchette Ferrari, accompagnati dal Presidente dell’ACI Damiani che ha illustrato la storia delle singole
vetture.

Comments

comments