EvansE’ giunta oggi la triste notizia della morte di Evans Bentivogli, volto conosciuto tra i giovani e nello sport padovano, mancato per una brutta malattia.

Mi sento in dovere di ricordarlo in quanto ha segnato positivamente l’esistenza di molti giovani, con i suoi insegnamenti di vita e di professore di educazione fisica.

Oltre ad essere stato “il miglior professore di ginnastica che abbia mai avuto”, lo ricordo anche come un grande amico.

Evans, come tutti lo chiamavano senza a volte conoscere il cognome, ha dedicato la sua vita allo sport e alla salute delle altre persone; quando un giovane era in difficoltà, qualsiasi fosse la sua natura, si è sempre battuto per fare in modo che questa fosse superata.

Lo sport per lui è stato il pilastro di vita, soprattutto la pallacanestro e il korfball  (sport poco conosciuto e simile al basket), tanto da portarlo nel 1989 a fondare la sua Evansalus, polisportiva padovana.

Ricordo gli incontri con lui, seduti in un bar davanti ad una acqua brillante insieme all’amico Nicola Valentini, nei quali veniva progettato il Patavium 2003, la polisportiva della quale sono Presidente.

Allora doveva nascere come squadra di calcio a 5, e senza il suo reale aiuto non si sarebbe mai concretizzato nulla.

Siamo sempre stati molto riconoscenti con lui tanto da adottare il giallo nei colori sociali, colore che adorava e sistemava in ogni cosa (pareti della palestra del Belzoni, la scuola dove insegnava, il suo camper, la facciata della sua palestra privata, ecc.).

Mi sento di dire che un pezzo di Patavium 2003 se ne va con te, ma sono orgoglioso e continuerò ad esserlo per quello che sei stato per noi.

Ciao Evans, sei e sarai sempre il migliore.

Matteo Venturini

Comments

comments