Description

Federfarma: “No alla Spending Review che penalizza i cittadini”

July 4, 2012   ·   0 Comments

La spesa farmaceutica è diventata il principale bersaglio delle politiche governative costituendo il 40% dei tagli della spending review.  Inoltre tali tagli pesano in maniera iniqua sulla filiera. Dalle bozze circolanti sulle misure che il Governo assumerà a breve emergono ipotesi penalizzanti per il cittadino e insostenibili per la farmacia.

Infatti, la riduzione del tetto della spesa farmaceutica territoriale (dall’attuale 13,3% della spesa sanitaria complessiva, al 13,1% nel 2012, al 11,5% dal 2013) non potrà che tradursi in maggiori ticket e minori farmaci in prontuario. Il cittadino dovrà pagare quote di compartecipazione sempre piu’ elevate ovvero avere un minor numero di farmaci gratuiti.  Di fatto per la farmaceutica saranno necessariamente rivisti al ribasso  i LEA, livelli essenziali di assistenza.
Il raddoppio del tetto della spesa ospedaliera costituisce la prova provata della difficoltà delle strutture pubbliche di gestire le risorse senza sprechi.  La spesa ospedaliera, infatti, a differenza della spesa per i farmaci distribuiti dalle farmacie non  è mai riuscita a rimanere nel tetto previsto ed è aumentata senza controlli. Nell’impossibilità di gestirla meglio, si aumentano le risorse ad essa destinate.
Se il provvedimento passasse in questi termini equivarrebbe a dire che il Governo vuole sostituire i tagli lineari con tagli inversamente proporzionali agli sprechi senza pensare alla razionalizzazione della spesa e al bene del cittadino.
Federfarma è pronta a iniziative di protesta nel caso le misure ipotizzate fossero confermate dal Consiglio dei Ministri.

By admin

Tags: , ,

Comments Closed


Readers Comments (0)


Sorry, comments are closed on this post.