La nuova OPC compatta di Opel: l’Astra più potente di sempre

June 22, 2012   ·   0 Comments

Rüsselsheim. Alla gamma di Astra si aggiunge un nuovo modello ad alte prestazioni, la potente Astra OPC da 206 kW/280 cv che completa la gamma OPC che comprende Corsa OPC e Insignia OPC. Azionata da un motore turbo 2.0 litri a iniezione diretta, Astra OPC (Opel Performance Center) eroga una coppia massima di 400 Nm ed è in grado di passare da zero a 100 km/h in soli sei secondi. Raggiunge una velocità massima di 250 km/h. Nessuna Astra è mai stata così veloce.

Il motore genera il 25 per cento di coppia massima in più rispetto alla precedente Astra OPC, mentre la potenza aumenta di ben 40 cv, il che significa 140 cv di potenza per litro, rispetto ai 120 cv della precedente generazione. Il nuovo motore turbo quattro cilindri si basa sul più recente motore 2 litri a benzina di Opel da 250 cv, a cui ne aggiunge altri 30. Nonostante ciò, consumi ed emissioni di CO2 sono stati ridotti del 14 per cento rispetto alla versione precedente. Le emissioni di CO2 di Astra OPC sono scese a 189 g/km (in precedenza 220 g/km), e i consumi a 8,1 l per 100 chilometri (in precedenza 9,1 l/100 km) – dati al vertice del segmento delle compatte ad alte prestazioni.

Gli ingegneri Opel hanno sviluppato un nuovo, avanzatissimo sistema di aspirazione dell’aria, per alimentare il turbocompressore con la massima quantità di aria possibile. Inoltre lo scarico è stato ottimizzato per migliorare ulteriormente il flusso dei gas in uscita e incrementare le prestazioni del motore. Lo stesso turbocompressore è stato ulteriormente migliorato con l’utilizzo di nuovi componenti, per resistere alla superiore pressione dell’aria di sovralimentazione, pertanto la durata del compressore è aumentata in maniera corrispondente.

Telaio ad alte prestazioni con FlexRide, HiPerStruts, differenziale autobloccante

Per la nuova Astra OPC, Opel ha creato un telaio ad alte prestazioni particolarmente efficiente in termini di dinamica laterale e dotato di superba maneggevolezza, che si affianca  al potente motore da 206 kW/280 cv e 400 Nm di coppia. Numerosi elementi del telaio sono decisivi per il miglioramento della dinamica di guida della vettura: montanti ad alte prestazioni (HiPerStruts) sulla sospensione anteriore, telaio meccatronico FlexRide, differenziale autobloccante a dischi multipli e freni Brembo.

Il telaio FlexRide permette a chi guida di estremizzare la reattività degli ammortizzatori, del volante e dell’acceleratore. Si può scegliere tra tre modalità diverse, ognuna delle quali offre un’esperienza unica e specifica di guida ad alte prestazioni. La modalità Standard garantisce prestazioni equilibrate, caratterizzate dal comfort in qualsiasi condizione, per situazioni di guida quotidiane. Basta premere un pulsante e la modalità Sport irrigidisce le sospensioni del telaio, aumenta l’agilità riducendo il rollio e rende lo sterzo più diretto. La modalità OPC porta invece a un’esperienza di guida estrema: lo sterzo diventa ancora più diretto che in modalità Sport, l’acceleratore maggiormente reattivo e il telaio tende a fornire le massime prestazioni.

Inoltre, l’asse posteriore di Astra OPC è un parallelogramma di Watt, sperimentato e testato su circuito, in associazione con una barra di torsione che garantisce eccellente stabilità laterale e precisione, specialmente in curva. Il sistema si compone di un braccio centrale con uno snodo sferico a ciascuna estremità, al quale è imbullonato il collegamento laterale di ogni ruota, e assorbe circa l’80 per cento dei carichi laterali sulla sospensione posteriore.

Il carattere sportivo della vettura è ulteriormente sottolineato dai cerchi in lega da 19″. Inoltre il team OPC ha impostato il telaio secondo gli standard OPC modificando gli ammortizzatori e irrigidendo molle e boccole.

Sull’asse anteriore Astra OPC monta un differenziale meccanico autobloccante a dischi multipli che contiene numerosi dischi della frizione e contribuisce a ridurre lo slittamento delle ruote, per esempio in presenza di forze laterali considerevoli in fase di accelerazione o in caso di cambiamenti della struttura della strada. E’ ideale anche quando si vuole guidare la vettura in circuito. Il coordinamento tra differenziale e coppia statica garantisce una risposta armoniosa e un passaggio fluido tra carico e sovraccarico, elimina le influenze sullo sterzo e il comportamento autosterzante durante il sovraccarico e garantisce riserve di trazione in caso di carichi estremamente variabili sulle ruote.

L’ESP (controllo della stabilità) su Astra OPC presenta tre modalità che permettono a chi guida di stabilire il livello di difficoltà e sportività della guida stessa. La prima è la modalità standard e la seconda è la modalità Competitive dove si alza la soglia di intervento dei sistemi automatici. L’ultima modalità consente di disattivare l’ESP (ESP-off).

L’impianto frenante è stato studiato su misura per adattarsi alle prestazioni elevate di Astra OPC – anche a pieno carico. I tecnici OPC hanno utilizzato una soluzione a supporto dei freni da 18″ con dischi più grandi, da 355 x 32 mm, ventilati, dotati di raffreddamento aggiuntivo e forati trasversalmente e con pinze a 4 pistoncini all’anteriore. Astra OPC utilizza anche pastiglie per i freni ad alte prestazioni. In generale, il vantaggio dei freni Brembo sta nella migliore resistenza alla temperatura in caso di frenate ripetute e nelle ottime prestazioni in caso di frenate lunghe.

In linea con le migliori tradizioni OPC, la vettura è stata messa alla prova e rifinita sull’Anello Nord (“Nordschleife”) del circuito del Nürburgring in Germania. Tutti i modelli OPC vengono testati in questo “Inferno verde” (soprannome assegnatogli dal pilota inglese Jackie Stewart) che è generalmente considerato il circuito più difficile e più impegnativo al mondo. Durante la fase di sviluppo, ogni modello OPC ha dovuto superare un test di durata da 10.000 chilometri ad alta velocità sui 20,8 km della Nordschleife, che equivalgono a circa 180.000 chilometri su strada. In condizioni così estreme è possibile garantire la durata di tutti i componenti per assicurare la massima soddisfazione ai clienti.

Design espressivo: l’Astra sportiva mostra i muscoli

Un’auto potente ha bisogno di un design altrettanto espressivo: la carrozzeria di Astra OPC sottolinea la pura passione per la potenza e la velocità. A ciò si aggiunge un nuovo volante dal fondo piatto che farà impazzire gli appassionati, un sedile anatomico leggero e tecnologicamente avanzato e una originale PowerApp per iPhone che consente di accedere in tempo reale a decine di dati sul motore e la vettura attraverso il CAN bus. Nell’abitacolo, materiali di alta qualità e caratteristiche esclusive OPC creano un’atmosfera sportiva e premium.

Astra OPC è ancora più sportiva grazie ai paraurti anteriori e posteriori scolpiti in maniera speciale, alle minigonne laterali, allo spoiler aerodinamico sul tetto e ai due scarichi di forma trapezoidale. Oltre ai cerchi in lega di serie da 19″, sono disponibili anche cerchi forgiati in lega da 20″ per chi vuole rendere ancora più aggressiva la propria Astra OPC. Chi vuole che la propria OPC appaia ancora più sportiva può acquistare il pack OPC appearance.

Il nuovo volante a fondo piatto nasce dal mondo delle corse e ha un diametro di 10 mm inferiore rispetto a quello presente nel resto della famiglia Astra, per fornire una sensazione di sterzata ancora più precisa, sportiva e diretta. Le zone dove poggiano i pollici sono state rimodellate per ottimizzare la presa e la visibilità degli strumenti. Le esclusive cuciture OPC, in arden blue o cool pearl, sottolineano l’atmosfera sportiva e premium.

Sulla nuova Astra OPC sono disponibili a richiesta i nuovi sedili anatomici ad alte prestazioni e tecnologicamente avanzati, certificati dall’associazione indipendente AGR (“Aktion Gesunder Rücken e.V”) per il rispetto di elevati standard ergonomici. I tecnici OPC si sono serviti di materiali all’avanguardia, che consentono di ridurre il peso del guscio di questo sedile ad alte prestazioni. I nuovi sedili anteriori aumentano l’esperienza di guida dinamica grazie alla seduta più bassa e al maggiore sostegno laterale. I nuovi sedili ad alte prestazioni a richiesta vantano fino a 18 impostazioni diverse. Opel è il primo costruttore a offrire nel segmento delle compatte sportive cuscini a regolazione pneumatica ai lati dei sedili ad alte prestazioni. Abbassare i sedili consente di ‘sentire’ ulteriormente la vettura e il contatto tra guidatore e strada.

I risultati eccellenti del marchio OPC

L’Astra OPC di ultima generazione, la versione sportiva della nuova famiglia Astra, evidenzierà ulteriormente il potenziale sportivo e la competenza tecnica richiamate dal marchio OPC.

Negli ultimi sette anni si sono vendute più di 15.000 Astra OPC. A parte la Corsa OPC, l’Astra è tra i modelli Opel OPC più popolari in termini di vendite. Opel prevede di vendere circa 10.000 modelli OPC nei prossimi 12 mesi, di cui circa la metà saranno Astra OPC, circa 3.000 Corsa e il resto Insignia. Le vendite delle compatte europee ad alte prestazioni con più di 271 cv si aggirano sulle 14.000 unità in Europa. In base a questi dati, Opel prevede di raggiungere una quota di mercato pari a circa il 30 % delle vendite europee di compatte ad alte prestazioni.

L’Opel Performance Center (OPC), responsabile delle versioni sportive della gamma Opel dal 1999, costituisce un elemento decisivo nel profilo di valore del marchio. Incarna infatti un alto livello di emozione e passione per un’estetica che non passa inosservata, tecnologia avanzata e una straordinaria dinamica di guida. I veicoli chiamati “OPC” costituiscono la versione emotiva top-di-gamma del rispettivo modello. Gli attuali modelli OPC sono la Corsa, 141 kW/192 cv (154 kW/210 cv in Nürburgring Edition) e l’Insignia OPC, disponibile come berlina a quattro o cinque porte e Sports Tourer.

Fascino sportivo: la “OPC Line” per i modelli di produzione Opel

Oltre a chi acquista modelli OPC ed è interessato alle prestazioni, numerosi clienti personalizzano la propria Opel di produzione con accessori “OPC Line” di grande qualità, che possono essere ordinati direttamente dalla fabbrica per le nuove vetture. Chi è già proprietario di una Opel può farli montare sul proprio veicolo da un centro di assistenza o da un concessionario autorizzato Opel. La OPC Line offre componenti per la carrozzeria, cerchi in lega e particolari per l’abitacolo, come volanti e leve del cambio sviluppati e studiati da progettisti e tecnici Opel per quel modello specifico.

Popolare ed esclusivo: il corso di guida OPC Performance

Gli esclusivi corsi di guida OPC, proposti dal 2006, sono molto popolari tra i guidatori più appassionati e i posti finiscono esauriti con grande anticipo. Sono aperti non solo ai clienti Opel e ai proprietari di modelli OPC, ma anche ai proprietari di tutte le marche. Questi eventi della durata di un giorno sono assai esclusivi, a partire dal luogo in cui si svolgono, ossia il centro Opel di Dudenhofen, solitamente chiuso al pubblico, dove vengono sviluppati i prototipi e i futuri modelli Opel. I partecipanti imparano a domare la dinamica dei modelli OPC in modo controllato e sicuro con un team professionista di istruttori, sotto l’occhio attento di Joachim Winkelhock, ex pilota Opel, campione di Le Mans e ambasciatore del marchio. L’obiettivo principale della formazione è il massimo piacere di guida con il massimo controllo del veicolo.

By admin

Tags: , ,

Comments Closed


Readers Comments (0)


Sorry, comments are closed on this post.