Lecce: arriva “Scratch!”, festival internazionale di cortometraggi animati

June 17, 2012   ·   0 Comments

Oltre 300 corti provenienti da tutto il mondo per una tre giorni dedicata alle magie della computer graphic e dell’animazione digitale. Questo è “Scratch! International Film Festival”, che si terrà a Lecce dal 22 al 24 giugno prossimi, presso il cineteatro Db D’essai dei Salesiani.

Organizzato dall’associazione culturale Animood (vincitrice del bando Principi Attivi 2010), Scratch! è il primo festival internazionale made in Puglia dedicato all’animazione. Una sfida, dunque, che ha l’ambizione di fare di Lecce un punto di riferimento nel settore a livello nazionale, europeo e internazionale.

La sfida non è impossibile. Gli oltre 300 lavori arrivati per questa prima edizione di “Scratch! International Film Festival” dimostrano che il settore dell’animazione digitale è ricco di fermento artistico. La mole di materiale, indipendente e non, che circola in Rete è tale per cui la stessa promozione del festival tra gli addetti ai lavori è avvenuta esclusivamente on line, attraverso open calls su siti specializzati, forum e scuole di animazione.

Questo dimostra che le grandi produzioni internazionali che oggi arrivano nelle sale cinematografiche (registrando, peraltro, numeri esorbitanti ai botteghini) non sono che la punta di un iceberg artistico – oltre che di un mercato – che chiede spazi e tempi per essere riconosciuto e apprezzato.

L’Italia, purtroppo, però, rispetto al resto d’Europa mostra ritardi sotto il profilo della produzione di film animati, della ricerca applicata e degli eventi collaterali (come rassegne, festival e momenti di divulgazione). Non esiste, di fatto, ancora un vero e proprio movimento strutturato, seppure il sottobosco sia ricco di singole esperienze. Ciò significa che il relativo mercato è ancora tutto da definire, per quanto, a differenza di altri settori artistici, il pubblico potenziale certamente non mancherebbe. Si registra, cioè, nel campo dell’animazione cinematografica uno strano paradigma in virtù del quale a dispetto di una grande domanda non esiste un’adeguata offerta.

Da qui il secondo obiettivo di Scratch!: riempire la sala del Db D’Essai dei Salesiani, quindi, riuscire nell’intento di rendere fruibile al territorio la creatività intercettata attraverso la Rete. E lasciare un segno, incidere, scratchare, appunto, la realtà del luogo.

Il festival

Ingredienti: ½ kg di buoni corti d’animazione, 2 o 3 professionisti di settore, 2 laboratori tematici, 250 gr di finanziamenti regionali, 3 buoni amici appassionati di cinema e un pizzico di creatività

Preparazione: mescolare il tutto nella teglia di una città d’arte sempre aperta a nuovi eventi e mettere a cuocere a fuoco lento per qualche mese.
A fine giugno il risultato finale sarà Scratch!, un festival europeo di cinema d’animazione tutto da gustare a punta di coltello.

Scratch! è un festival internazionale dedicato ai corti d’animazione, il primo in Puglia, finanziato nell’ambito del progetto Principi Attivi 2010.

Scratch! ha i capelli tutti arruffati e l’aria stralunata di chi la sera prima ha fatto le ore piccole. Ma ha anche tanta voglia di far bene e un sogno nel cassetto: ripetersi negli anni.

Il festival prevede una tre giorni dedicata alla proiezione di film di animazione (della durata massima 20 minuti), selezionati nella fase preliminare da un’apposita commissione artistica, e la partecipazione sarà assolutamente gratuita.

Le macro categorie individuate sono tre:


1) animazione tradizionale, 2d digitale, mix media e stop motion;

2) 3d e visual effects;

3) music videos.

La giuria composta da importanti personalità del mondo dell’animazione premierà un film per categoria.

Durante la tre giorni di Scratch! saranno proiettati film animati che hanno fatto la storia del settore – tra i quali è prevista una retrospettiva in chiave musicale – e si terranno due aboratori creativi dedicati allo stop motion, sempre a ingresso gratuito, nelle mattine del 22 e del 23 giugno.

Durante il festival verranno allestite tre mostre: Piero Schirinzi (15-24 giugno Officine Ergot); Hermes Mangialardo (16-30 giugno Caffè Letterario) e Virgina Mori (22-24 giungo Cineteatro Db D’Essai). Quest’ultima sarà accompagnata da una sonorizzazione degli oggetti di vita quotidiana realizzata da Anna Martino e Luciano Lamanna.

Le categorie

1. Animazione Tradizionale, 2d digitale, mixed media e stop motion

Animazione tradizionale. L’animazione tradizionale è una tecnica di animazione in cui ogni fotogramma è disegnato a mano. La tecnica era la forma dominante di animazione nel cinema fino all’avvento della computer animation.

Stop-motion. Il termine Stop-motion viene usato per descrivere quella tecnica di animazione creata dalla manipolazione fisica degli oggetti del mondo reale. Per creare l’illusione del movimento l’animatore fotografa l’oggetto fotogramma per fotogramma.

2D digitale. Nell’animazione digitale 2D le immagini vengono create e / o modificate sul computer utilizzando la grafica bitmap 2D o creati e modificati usando grafica vettoriale 2D.

Mixed media. Mixed media, in arte visiva, si riferisce ad un’opera d’arte ad un’opera nella cui realizzazione è stato impiegato più di un supporto e che combina diversi media tradizionalmente distinti.

2. 3d e visual Effects

Animazione 3D. Per Animazione 3d ci si riferisce alla tecnica di animazione usata per animare e manipolare oggetti che appaiono in uno spazio tridimensionale.L’ animazione 3D è largamente usata nei videogames e nella realtà virtuale oltre che nella produzione e post-produzione cinematografica.

Visual Effects. Gli effetti visivi (comunemente abbreviato in Visual F/X o VFX) sono costruiti attraverso vari processi con cui si creano e / o manipolano immagini al di fuori del contesto di una ripresa live action. Gli effetti visivi comportano anche l’integrazione di riprese live-action e immagini generate via computer per creare ambienti che sembrano realistici, ma sarebbe pericoloso, costoso, o semplicemente impossibile catturarli su pellicola.

3. Music Videos

Music videos I video musicali sono solitamente filmati promozionali o artistici realizzati per musica pop o rock. I videoclip musicali possono qualificarsi come una forma d’arte tipicamente postmoderna: ibrida, compatta e assimilabile

La giuria

A giudicare i film in concorso sarà una giuria di livello internazionale composta da esperti del settore dell’animazione quali Richard Squires (Inghilterra), Virginia Mori (Italia) e Patrik Jean (Francia).

PATRICJ JEAN: Patrick Jean vive e lavora a Parigi, debutta alla Buf Company dove lavora come 2D e 3D graphic designer. Lavora poi per la televisione dove scopre la propria inclinazione per la regia. È autore del cortometraggio “Theo” e pochi anni dopo di “Pixels”. Ispirato ad un videogioco d’infanzia, “Pixels” viene visto da un milione di persone in sole 24 ore dopo la sua uscita sul web. Il film si è aggiudicato numerosi premi in festival internazionali.

VIRGINIA MORI: Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Partecipa a diversi eventi artistici in Italia e vince il premio “SRG SSR idee suisse” ad Annecy Call for project 2008, che le permette di realizzare il corto di animazione “Il gioco del silenzio”, premiato e selezionato in diversi festival internazionali e il premio “Abbaye de Fontevraud” che le permette di lavorare al suo prossimo film nella residenza dell’omonimo centro culturale francese nell’ottobre 2011.

Contemporaneamente realizza videoclip musicali in animazione e collabora con l’associazione culturale di Cesena Aidoru alla realizzazione dello spettacolo “Landscape” Partecipa a diverse mostre collettive con le sue illustrazioni l’ultima delle quali a Roma nel Novembre 2011 alla galleria Mondo Bizzarro per Italian Pop Surrealism.

RICHARD SQUIRES: Artista e docente di Regia Filmica alla Kingston University (Filmmaking BA, MA Sperimentale di Cinematografia), utilizza una pratica attiva che comprende il lavoro in animazione, video, installazione e media interattivi. Richard Squires è membro fondatore della società londinese progetto Comic Art, Let Me Feel Your Finger First (LMFYFF), che distribuisce fumetti, film d’animazione e lavori web-based. Al centro del progetto LMFYFF c’è una famiglia di personaggi satirici che include Francis, lo zio Hans-Peter e Organismo Ontologicamente Ansioso (Ontologically Anxious Organism). Richard espone a livello internazionale e i suoi film sono finanziati da varie organizzazioni tra cui Arts Council England, Animate Projects, London Film, Channel 4 e Radiator 002. I progetti passati includono ‘Francis‘ un progetto animato per Channel 4 (Regno Unito, 2007), ‘Familienalbum‘ un lavoro eseguito dal vivo alla Royal Academy of Arts, London (2008) e ‘The Uncle Hans-Peter Party’ un’opera ibrida che include animazione, performance partecipativa e mascherata, eseguita per la prima volta all’ ICA di Londra (2009).

Gli organizzatori

Scratch! è organizzato dall’associazione culturale Animood, composta da Giorgio De Matteis, Pierpaolo Bisconti e Claudia Danisi e costituitasi a seguito della vittoria del bando di Principi Attivi. Nel corso del lungo viaggio di organizzazione del festival, la squadra si arricchita dell’esperienza di Hermes Mangialardo, direttore artistico del Festival insieme a Pier Paolo Bisconti.

Giorgio De Matteis, presidente e responsabile organizzativo del Festival, laureato in Scienze della Comunicazione all’Università del Salento, si occupa di editing video e computer grafica in collaborazione con giornali e web tv locali.

Pier Paolo Bisconti, laureato in Animazione Digitale 2d presso la University of Hertfordshire (UK) nel 2010, è l’ideatore e il direttore artistico del Festival. Dal 2010 lavora come Flash Designer e After Effects artist.

Francesco Lefons, laureato in Scienze della Comunicazione e giornalista pubblicista dal 2009. Fondatore della testata giornalistica 20centesimi.it, è presidente della cooperativa Laboratorio Giornalisti Indipendenti.

Stefania Erroi, laureata in Scienze della Comunicazione, ha collaborato con diverse segreterie organizzative. Lavora attualmente nel campo dell’editoria.

Claudia Danisi, laureata in Economia del turismo, ha svolto numerose esperienze professionali in qualità di tour operator e organizzatrice di eventi legati alla promozione turistica.

Hermes Mangialardo, cartoonist e animatore digitale dal 2003, fondatore dell’agenzia Plasmedia e creatore della serie TV Urban Jungle. E’ direttore artistica di Scratch!

By admin

Tags: , , , , , , , ,

Comments Closed


Readers Comments (0)


Sorry, comments are closed on this post.