Description

Milano 2015 City Operations, 18 progetti per Expo

June 15, 2012   ·   0 Comments

Milano – Undici azioni “obbligatorie” e sette “qualificanti e strategiche”: sono i progetti di “Milano 2015 City Operations”, il cui Master Programme è stato approvato all’unanimità oggi dalla Giunta comunale di Milano.

E’ pronto dunque il piano delle attività integrate fra il Comune di Milano e la società Expo 2015 Spa per la preparazione della città all’accoglienza dell’Esposizione universale. Un strumento di pianificazione integrata che passerà subito alla fase operativa in quanto strumento principe del coordinamento dei progetti/attività che il Comune di Milano intende realizzare per offrire un’immagine della città coerente con la visione del Comune stesso, attrattiva per i turisti, efficiente nei servizi, vicina ai cittadini e capace di porre le basi per massimizzare i benefici derivanti dall’eredità di Expo 2015.

Il successo dell’Expo di Milano 2015, infatti, non sarà solo determinato dall’attrattività del sito espositivo per i visitatori, ma da tutta l’atmosfera che pervaderà la città durante i sei mesi della manifestazione, e dal livello di accoglienza e servizi che i visitatori troveranno sul territorio. La città deve quindi sviluppare una sua visione circa la propria identità, la propria immagine e il proprio posizionamento complessivo rispetto all’evento: una visione che andrà progressivamente tradotta e implementata in un “Piano di Sviluppo di Milano per l’Expo”, che assicuri piena integrazione fra l’”esperienza del visitatore” sul sito Expo e l’esperienza più generale sul territorio milanese.

Sulla base del lavoro svolto fino ad oggi sono state mappate le esigenze del Comune in termini di progetti da realizzare e si è arrivati così alla definizione di un Master Programme costituito da:

· 11 progetti “obbligatori”, vale a dire progetti fondamentali per la riuscita della manifestazione, che l’Amministrazione intende realizzare in quanto considerati necessari perché la città possa accogliere i milioni di visitatori previsti in maniera adeguata sotto il profilo di sicurezza, mobilità, turismo, eventi culturali ecc.
· 7 progetti “qualificanti” che rivestono un’importanza strategica per la promozione della città e/o per i perseguimento del piano generale di sviluppo e che l’Amministrazione realizzerà compatibilmente con le risorse disponibili.
Per quanto riguarda il Comune, per una puntuale ed efficace realizzazione dei progetti sarà effettuata un’attività di coordinamento e di raccordo interassessorile. Le Direzioni Centrali svilupperanno il piano, con il supporto della Direzione Specialistica di coordinamento Expo, la supervisione della Direzione Generale e in sinergia con la società Expo 2015 Spa.
I progetti contenuti nel Master Programme confluiranno nella Relazione Previsionale e Programmatica 2012-2014, nel Piano Esecutivo di Gestione e nel Piano Triennale degli obiettivi. Saranno quindi obiettivi primari del Comune nel triennio 2012-2014.
Per la condivisione del Master Programme, due i momenti principali: la presentazione del progetto “City Operations” ai direttori centrali del Comune di Milano nell’ambito del Comitato di direzione, presieduto dal Direttore Generale, e un Seminario che coinvolgerà tutta la struttura dirigenziale del Comune che dovrà essere coinvolta nei progetti.

“Milano si prepara a Expo 2015 e il progetto City Operations testimonia l’impegno di tutta l’Amministrazione e mio personale come Sindaco – voglio ribadirlo con forza – per fare dell’Esposizione Universale un successo. Un successo che dovrà essere anche della città non solo perché tornerà a rivestire una dimensione internazionale che la collocherà al livello delle grandi capitali del resto del mondo, a maggior ragione se saprà trasformarsi in centro di dibattito sui garndi temi cui è dedicata Expo 2015, ma anche perché sarà più attrattiva per chi ci vivrà e per quanti arriveranno per affari, studio o turismo. Ed è proprio questa una delle grandi eredità che Expo lascerà a Milano”, ha dichiarato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia.

“I progetti per Milano ai quali stiamo lavorando con il Comune – ha spiegato Giuseppe Sala, Amministratore Delegato di Expo 2015 SpA – sono interventi necessari non solo in vista dell’Expo. Ma serviranno a migliorare la qualità di vita in città e a potenziare i servizi a disposizione del cittadino. Sono qualcosa che rimarrà oltre Expo. In questo senso, abbiamo molto da imparare dalla visita del Papa. Il recente incontro mondiale delle famiglie ci ha infatti mostrato come sia fondamentale il lavoro di squadra nel fornire piccoli e grandi servizi. Consapevoli di cio’, l’impegno di Expo 2015 spa sara’ su più fronti: dalla diffusione del wi-fi alla mobilita’, dall’organizzazione dei volontari alla valorizzazione del contributo dei dipendenti comunali, allo studio dell’inglese. Nel collaborare a definire questo piano di interventi, abbiamo tenuto presente l’analisi del visitatore che abbiamo elaborato, le cui caratteristiche principali sono curiosita’ e voglia di partecipare in modo attivo”.

Progetti “obbligatori”
· Accessibilità, mobilità, trasporti, percorribilità
· Accoglienza e turismo
· Ambiente, gestione rifiuti, igiene del suolo
· Autorizzazioni amministrative e gestione operativa dei siti di servizio per Expo 2015 Spa
· Centro di coordinamento cittadino – City Commander Center · Formazione operatori sul territorio, programmi educativi e promozione sociale
· Eventi culturali, sportivi e di intrattenimento
· Giovani e Programma volontari
· Immagine, comunicazione e supporto delle attività di marketing · Sicurezza e protezione civile
· Servizi medici Progetti “qualificanti”
· Brand Milano
· Darsena e Vie d’Acqua
· Distretto Agricolo Milano, Cascine , Orti Urbani
· Scuole di Milano per Expo
· Nuove imprese per i giovani
· Forum Città Mondo
· Progetti tecnologici

By admin

Tags: , ,

Comments Closed


Readers Comments (0)


Sorry, comments are closed on this post.