Description

Scola e Antonelli hanno aperto a Milano l’Incontro Mondiale delle Famiglie

May 30, 2012   ·   0 Comments

L’arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, e il presidente del Pontificio consiglio per la Famiglia, il cardinale Ennio Antonelli hanno aperto questa mattina al Mico il Congresso internazionale teologico pastorale. Prima dei loro saluti ai cardinali, vescovi e laici che hanno riempito la sala Gold del centro fieristico, una sfilata di bandiere in omaggio al carattere internazionale dell’evento, quindi la preghiera delle famiglie recitata in italiano, francese, spagnolo e inglese, l’inno ufficiale dell’incontro e il padre nostro recitato in latino.

Il cardinale Scola ha sottolineato la «generosità» e «l’ospitalità» di Milano. Si è soffermato sulla felice intuizione del titolo. «Famiglia, lavoro e festa legano tra loro gli aspetti principali della vita quotidiana di ogni persona». La famiglia, ha sottolineato Scola, è la prima scuola di comunione, il lavoro è l’ambito in cui si partecipa alla  vita creatrice di Gesù. Tra l’uno e l’altro si inserisce il riposo, «spazio delle rigenerazione», che diventa festa, quando è un momento comunitario.

Scola ha chiuso il suo intervento ricordando le popolazioni  terremotate. «Già fra poco pregheremo per i morti di queste nuove scosse, per i loro cari e le loro famiglie».

Ai terremotati dell’Emilia si è rivolto anche il cardinale Antonelli «Siamo una grande assemblea riunita in un clima di fraternità e gioia. Ma aleggia su di noi una nube di mestizia per il terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna. Ai morti, ai feriti, a chi ha perso casa e lavoro va il nostro pensiero di solidarietà avvalorato dalla preghiera». Antonelli ha poi sottolineato il carattere internazionale dell’evento. «È un incontro mondiale perché le delegazioni provengono da i 5 continenti, i partecipanti da 150 paesi diversi».

By admin

Tags:

Comments Closed


Readers Comments (0)


Sorry, comments are closed on this post.